Sabato 14 ottobre 2017

Teatro Verdi • ore 21:00

Sergio Cammariere “Io”

Sergio Cammariere: voce, pianoforte
Daniele Tittarelli: sax
Luca Bulgarelli: contrabbasso
Amedeo Ariano: batteria
Bruno Marcozzi: percussioni

Quando nel 2002 pubblica il suo primo album, Dalla pace del mare lontano, Sergio Cammariere (Crotone, 1960) ha già una lunga esperienza come cantautore. Nel corso di tutti gli anni Novanta ha composto musiche per vari film e preso parte al Premio Tenco, vincendo il premio IMAIE come “Migliore Musicista e Interprete”. Tornando al primo disco, in esso Cammariere si presenta con una band le cui sonorità sono personalizzate dalla presenza di giovani jazzisti (come Fabrizio Bosso, Luca Bulgarelli, Amedeo Ariano) destinati a una notevole carriera negli anni a venire: una squadra musicale che ha continuato ad accompagnarlo sino a oggi. Per il cantautore calabrese questo è il momento di svolta: con il primo album vince numerosi premi (il Carosone, il De André, la Targa Tenco, il referendum di Musica e dischi). Nel 2003 stupisce al festival di Sanremo con una canzone dal taglio decisamente fuori dagli schemi per la competizione pop: Tutto quello che un uomo ottiene il terzo posto in gara, il Premio della Critica e quello come “Migliore Composizione Musicale”. A segnare le tappe successive della sua carriera ci sono dischi come Sul sentiero (2004), Il pane, il vino e la visione (2006), Cantautore piccolino (2008), Carovane (2009), Sergio Cammariere (2012), Mano nella mano (2014). Nel frattempo torna a scrivere musica per il cinema e il teatro, duetta con Toots Thielemans, ricompare a Sanremo (nel 2008), presta la sua voce alla canzone d’apertura del film di animazione Disney La principessa e il ranocchio. A fine 2016 è arrivato Io, un album capace di combinare in perfetto equilibrio la tradizione cantautorale italiana, le contaminazioni afro-latine e l’anima jazz che da sempre è l’impronta riconoscibile di ogni composizione di Cammariere.

Accompagnato da un gruppo di fedeli musicisti che denota il feeling jazz dei suoi arrangiamenti, Sergio Cammariere al Padova Jazz Festival presenterà appunto il suo più recente lavoro: Io. In scaletta ci saranno i suoi brani più amati oltre a nuove coinvolgenti canzoni. Il cantautore pescherà dunque dal baule dei ricordi i suoi successi più acclamati, dipingendoli con nuove sfumature e con intense sottolineature emotive: Tempo perduto, Via da questo mare, Tutto quello che un uomo. E poi ancora le suggestioni pianistiche e le incalzanti venature latine di Dalla pace del mare lontano, L’amore non si spiega, col suo testo impegnato e sentimentale, e la vivace e autoironica Cantautore piccolino. Tra le nuove creazioni di Cammariere troviamo Ti penserò, un solo per pianoforte e voce colmo di calore e passione, La giusta cosa, i cui ritmi trascinanti strizzano l’occhio al pop e all’attualità, Sila, un piano solo pervaso dall’amore per la sua terra d’origine. Immancabili poi gli omaggi ai memorabili cantautori che hanno ispirato Cammariere durante la sua carriera, come Chi sei, un jazz waltz dedicato a Sergio Endrigo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Informativa.
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Chiudi